Corpus di atti di richiesta per mail

Il seguente corpus è stato raccolto dagli studenti del corso “Insegnare la pragmatica” dellIstituto di didattica disciplinare, dipartimento di lingue didattica delle lingue straniere, dell’Università di Innsbruck, nel semestre estivo 2020.

Link al corpus non taggato.

Il corpus si compone di 72 atti di richiesta, divisi in due scenari e prodotti da 16 medrelingua e da 20 apprendenti. Il copus è stato raccolto attraverso un questionario online e premesso da alcune domande tendenti a raccogliere dati biografici e sociolinguisitici.

Il corpus è stato raccolto attraverso un role play in cui veniva richiesto all’informatore di scrivere alcune mail secondo due determinati scenari riportati qui di seguito:

scenario a) Immagina di star facendo un corso con il Dr. Nicola Brocca. Domani devi fare una presentazione in classe. Non hai avuto tempo per studiare bene perché dovevi prepararti ad un esame di inglese e ti accorgi che il materiale da presentare è più di quello che avevi previsto. Scrivi una mail al professore: il tuo obiettivo è spostare la presentazione.

scenario b) Hai fatto un corso con il Dr. Brocca. Hai consegnato il tuo portfolio un mese fa e non hai ancora ricevuto il voto. Ti serve il voto per registrarti per una borsa di studio (Stipendium). Manda una mail al prof: il tuo obiettivo è ricevere il voto al più presto.

Tali scenari rappresentano un compito realistico per gli informatori dato che questi sono stati scelti tra studenti (età compresa tra i 19 e i 35 anni). I due scenari prevedono situazioni con un diverso grado di leggitimità: Mentre nella situazione a) la richiesta è poco legittima, lo è nel caso b). Ci si aspetta una differente strategia nella formulazione della richiesta: lo scenario a) sarà probabilmente mitigato da atti giustifcatori più complessi che lo scenario b). Facendo riferimento alla teoria della faccia (Goffman, 1988) mentre nella situazione b) il richiedente (lo studente) deve evitare di minacciare la faccia della persona a cui fa la richiesta (il docente), nella situazione a) il richidente dovrá cercare di non perdere la propria faccia. Nella realizzazione di questo scenaro è anche previsto il rifiuto a copiere l’atto (infatti un madrelingua preferisce mentire nello scenario a) (Brown, Levinson, 1987: 69).

Gli atti di richiesta del corpus sono caratterizzati una distanza sociale alta tra il richiedente e la persona a cui si richiede, perché tra le varie scritture digitali la mail è quella che piú di altre veicola le interazioni formali. Gli scenati proposti per la mai non prevendono interazioni in contesti con bassa distanza sociale perché per tali relazioni sono piú comuni altri media.

Nel rispetto delle norme sulla privacy (General Data Protection Regulation) è stato raccolto il consenso all’uso e alla pubblicazione dei dati. Tutti i dati sono stati anonimizzati o psedonimizzati. La variabile di genere non è stata tenuta in considerazione.

Il corpus è stato sucessivamente analizzato dagli studenti per mettere in luce i seguenti aspetti pragmatici:

  • analisi del nucleo della richiesta
  • analisi degli atti di supporto
  • analisi di alcuni fenomeni di vaghezza come l’uso di verbi deagentivi

Bibliografia:

Goffmann, I. , 1988. Il rituale dell’interazione, traduzione di Alberto Evangelisti e Vittorio Mortara, collana «Saggi», Il Mulino: Bologna

Brown P. Levinson S.C. (1987). Politeness. Some universals in language usage, Cambridge University Press: Cambridge

Immagine: Pixabay



Cite this blog post
Nicola Brocca (2020, June 10). Corpus di atti di richiesta per mail. LaDDer. LeArners’ Digital communication: a DatabasE for pRagmatic competences in L2. Retrieved June 17, 2024, from https://ladder.hypotheses.org/22

Nicola Brocca

https://uibk.academia.edu/nicolabrocca

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search